Blog

Novoceram organizza un gioco divertente per 3 buone cause 1/3: Toutes à l’école

Attualità Novoceram
  • 29 Giugno 2011

“Domani sarò una donna istruita”….
Una frase semplice per la nostra società occidentale, ma che rivela una realtà sconvolgente quando viene pronunciata dalle bambine della scuola Happy Chandara, vicino a a Phnom Penh in Cambogia.

logo_toutes_a_l_ecole

Sul totale dei bambini scolarizzati nel mondo appena un terzo sono bambine. Sono le future madri, le responsabili dell’educazione dei loro figli, a cui, senza istruzione, non potranno fornire solide basi di conoscenza e di valori umani, e rischiano di perpetuare la povertà e l’ignoranza in cui sono loro stesse cresciute. In Cambogia il 90% degli intellettuali è stato ucciso durante il genocidio dei Khmer rossi e metà della popolazione ha meno di 15 anni. Gli insegnanti sono dunque troppo poco numerosi per assicurare le lezioni in classi sovraffollate. D’altra parte i genitori più svantaggiati preferiscono mandare le figlie a lavorare piuttosto che a scuola.

toutes_a_l_ecole_1

Questi dati inquietanti hanno spinto Tina Kieffer, giornalista e direttrice della redazione di Marie Claire 2, a fondare l’associazione Toutes à l’école nel dicembre del 2005. Claire Chazal, giornalista di TF1, mobilitata per ragioni simili spiegati in questo video, ha portato il suo contributo all’associazione di cui è diventata la madrina.

Grazie a lei e al sostegno finanziario di partners come Caroll, L’Oréal e Samsung, e all’indispensabile collaborazione delle cambogiane attive nella ricostruzione del loro paese, è nata la scuola pilota Happy Chandara e 100 bambine hanno potuto frequentare il loro primo giorno di scuola a fine 2006. Ogni anno, grazie ai donatori,  100 nuove bambine possono frequentare i corsi, il cui costo si aggira intorno ai 20.000 euro per anno (il premio di 5000 euro di The Passion Project, in caso di vittoria, potrebbe dare la possibilità a 25 bambine in più di frequentare Happy Chandara).

toutes_a_l_ecole_2

Hapy Chandara non è solo un inquadramento pedagogico, ma anche medico (vaccini, prevenzione, cure dentistiche…) e nutrizionale e prevede inoltre una educazione all’igiene, per poter fornire alle bambine tutti i mezzi per poter diventare più tardi medici, giudici, ingeneri, o al meno assicurare loro un lavoro remunerato in cui siano rispettate.
Per evitare ogni forma di assenteismo, i genitori delle bambine ricevono ogni mese un sacco di riso da parte della scuola per ricompensare il mancato reddito.

Per sostenere l’associazione Toutes à l’école, appuntamento sulla pagina Facebook di Novoceram. Diventando fan e partecipando al gioco The Passion Project potrete attribuire i vostri punti accumulati al blog La cuisine de Mercotte che sostiene questa causa. In caso di vittoria, i 5000€ saranno versati perl’associazione Toutes à l’école !

Per maggiori informazioni:

http://www.toutes-a-l-ecole.org

Commenti (2)
Scrivi un commento

Articoli correlati