Blog

Expo 2015: il padiglione spagnolo

Design e Tendenze, Architettura
  • 2 marzo 2015

Ecco le principali attrazioni del padiglione spagnolo che sarà presente a Expo 2015.
pavillon espagnol expo2015
©b720 Fermin Vazquez Arquitectos

1) Presentazione del padiglione spagnolo

Presentazione

Il tema della partecipazione della Spagna a Expo 2015 è “Coltivare il futuro“. Con questo padiglione la spagna vuol far conoscere ai visitatori dell’esposizione universale il suo modello alimentare e la sua produzione agricola e promuovere la sua cucina creativa e originale.
Il paese ha saputo migliorare i suoi processi di distribuzione e modernizzare il suo settore commerciale per aumentare la produttività decretando il successo della produzione alimentare spagnola. Il clima, il paesaggio e la varietà ambientale della Spagna sono le cause della grande varietà della produzione agricola. La sicurezza alimentare e lo sviluppo sostenibile sono assi strategici nella produzione alimentare spagnola che esporta in tutto il mondo alimenti biologici di alta qualità.
L’agricoltura sostenibile permette una conservazione dell’ambiente, delle tradizioni e del paesaggio.
Nel padiglione spagnolo si affronterà anche il tema della coltivazione delle zone aride.
expo2015 pavillon espagnol
©b720 Fermin Vazquez Arquitectos

QR code, scenografie digitali, animazioni su vari temi sono accanto a cucine, giardini idroponici, un giardino didattico, un bar per le tapas e negozi.

Il progetto

Il padiglione misura 2104 metri quadrati ed è stato disegnato da B720 Arquitectos.

Gli obiettivi

Gli obiettivi generali del padiglione spagnolo di Expo 2015 sono:
Sostenere il turismo alternativo in relazione alla gastronomia e alla produzione alimentare sostenibile ( l’agroturismo, visite alle fattorie sostenibili, enoturismo, turismo legato alla pesca…),
Dimostrare che la Spagna garantisce la sicurezza alimentare dei suoi prodotti,
Promuovere la sua tradizione alimentare, la dieta mediterranea e la sua innovazione agricola e culinaria,
Valorizzare la creatività della sua cucina,
Contribuire a una educazione nutrizionale.
 

I diversi spazi

Il padiglione è suddiviso in tra spazi dedicati a Territorio, Prodotti e Gastronomia oltre a un patio, un «Chiringuito» (snack-bar) e un auditorium.
expo2015
©b720 Fermin Vazquez Arquitectos
pavillon espagnol
©b720 Fermin Vazquez Arquitectos

2) L’ispirazione

La tradizione e l’innovazione della cultura spagnola sono rappresentate da due grandi blocchi paralleli: il primo è in legno, l’altro è in acciaio e contengono entrambi spazi espositivi. L’edificio è temporaneo e costruito con materiali riciclabili e moduli prefabbricati.

3) La Spagna e l’agricoltura in cifre

La Spagna è il primo produttore europeo di cetrioli: il paese ha prodotto circa 600 000 tonnellate di questa verdura nel 2010 pari a 19 kg al secondo.
Il settore agricolo primario cpn l’agricoltura, l’allevamento, la silvicoltura e la pesca ha rappresentato il 2,6% del PIL del paese e il 4,2% degli occupati nel 2012.
32% dei bambini spagnoli fra i 3 e i 12 anni non mangiano frutta tutti i giorni. Il 41% di questi non mangia neppure la verdura quotidianamente.
 
Note : Il padiglione è stato realizzato da b720 Arquitectos (Fermín Vásquez, Albert Freixes, Eduardo Varas, Peco Mulet, Caterina Dominioni, Alejandro García, Valerio Decrecchio, Alberto Garcia, Gemma Ojea, Iván Arellano, Javier Artieda, Pablo Garrido, Julita Jaskulska, Annie Michaelides, Ourania Pappa), in collaborazione con Roberto Vásquez, Manuel Artiz, Antoni Miralda (contenuti), Arquipielago e B2fR Architetti (architettura), Miguel Nevado (ingegneria della struttura), K2 Consulting sl (servizi di ingegneria), Artec 3 (light design) e Manuel Colominas (Landscape).
 

Scrivi un commento

Articoli correlati