Come posare le piastrelle per il pavimento?

info
La posa delle piastrelle del pavimento dovrebbe sempre essere eseguita da un posatore professionista in gradi di garantirvi un lavoro e una finitura ottimali. La descrizione che segue, senza nessuna pretesa di esaustività, descrive il lavoro, le tecniche e gli strumenti utilizzati dai posatori così da permettere di comprendere e apprezzare gli aspetti più significativi di questo mestiere così determinante per la buona riuscita della pavimentazione.

Sommario del nostro speciale sul tema della Posa :

 

1) INTRODUZIONE : la posa di piastrelle

Pavimento in ceramica Novoceram Ciment

 

Prima della posa è fondamentale controllare che il tono, il calibro e la scelta delle piastrelle sia la stessa per tutte le scatole. Queste informazioni sono indicate sull’imballo e – nel caso tali valori dovessero essere diversi tra una scatola e l’altra – questo potrebbe avere conseguenze negative sull’aspetto finale del pavimento con una variazione di tono e una disomogeneità della larghezza delle fughe. Inoltre, per una resa migliore, è consigliabile aprire diverse scatole contemporaneamente e mescolare piastrelle provenienti da scatole diverse.

Occorre rispettare determinate regole per non incorrere in spiacevoli contrattempi.

Innanzitutto la scelta delle piastrelle deve essere rispondente all’ambiente di destinazione. Terremo conto principalmente di:

  • Localizzazione : esterno/interno (antigelività-scivolosità)
  • Destinazione d’uso: bagno/ cucina /stanza letto (resistenza attacco chimico, resistenza alla macchie, durezza superficiale)

Occorre poi studiare lo schema di posa provandolo prima a secco per calcolare sfridi, posizionamento dei tagli, eventuali giunti di dilatazione, dimensione delle fughe, ecc.

Generalmente il calcolo è il seguente:

  • Posa a fuga dritta si aggiunge un 5-7% alla superficie da posare
  • Posa a fuga sfalsata si aggiunge circa 10-12 %
  • Posa a giunto diagonale si aggiunge anche un 15%

Eseguite le operazioni sopra dette, vediamo come si procederebbe ipotizzando la posa di un soggiorno quadrato di dimensione 5×5 m con gres porcellanato naturale nel formato 45×45 a fuga dritta con posa a colla su massetto già pronto e livellato.

 

2) ATREZZATURA per la posa

  • Colla di classe C1 o C2 (preferibile) per gres porcellanato considerando un consumo di circa 2,5 – 5 kg /mq ed uno spessore tra 2 e 5 mm
  • Spatola per stendere la colla con denti di mm 5 – 10 mm
  • Crocette per fughe della dimensione desiderata (generalmente da 3-5 mm)
  • Livella per controllo planarità
  • Staggia di 2 m per controllo dislivello
  • Martello di gomma (se necessario battere piastrelle)
  • Piastrelle Mq 25+ 7% sfrido+ 5% riserva = 28 mq circa
  • Tagliapiastrelle di dimensione adeguata e di buona qualità
  • Tenaglie da piastrellista
  • Eventualmente smerigliatrice elettrica (il cosiddetto “flessibile”)

Attrezzatura per posa piastrelle in ceramica

3) CRITERI DI OTTIMIZZAZIONE DEL PIANO DI POSA

Per ottenere un buon risultato nella posa, bisogna fare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali:

  • Le fughe devono essere il più possibile uniformi in tutta la superficie
  • La linea fondamentale di riferimento per l’orditura delle fughe è l’asse principale della stanza; nel nostro caso è la line perpendicolare all’ingresso principale
  • Nelle zone più visibili evitare tagli, discontinuità ecc
  • Vanno evitati tagli troppo piccoli rispetto alla dimensione della piastrella (il taglio ideale è circa mezza piastrella)

Nel caso nostro (vedi disegno), le linee di riferimento per la posa delle piastrelle sono :

  • direzione AB parallela alla parete RS con la porta
  • direzione XY perpendicolare alla parete RS

Si può iniziare partendo con una piastrella al centro della stanza e proseguire verso la parete opposta verso la linea CD e portare i tagli distribuiti sulle pareti.
Si può anche, più semplicisticamente, partire dalla porta con le piastrelle intere e è portare tutti i tagli sulla parete opposta e su quelle laterali ma il risultato è meno equilibrato.

Schema di posa

 

4) L’INCOLLAGGIO DELLE PIASTRELLE

Dopo aver accuratamente pulito la superficie di posa, il posatore applicherà la colla con la spatola più o meno inclinata per avere lo spessore necessario con movimenti circolari e avendo cura di creare un letto pieno ed uniforme: qualunque spazio vuoto che rimanesse sotto la superficie piastrellata costituirebbe un punto di debolezza che sarebbe soggetto a rottura anche in seguito alla caduta di un piccolo oggetto. I denti della spatola servono proprio per garantire un livello uniforme nella stesura della colla.

Stendere colla piastrelle pavimento

Il posatore comincerà stendendo la colla su una superficie di circa 1m2 per volta: bisogna assolutamente posare prima che la colla inizi ad asciugarsi.

Poserà quindi la piastrella avendo cura di battere per uniformare lo strato di colla e si prosegue, secondo il disegno di posa, usando le crocette per le fughe e verificando il livello.

Nel caso un angolo dovesse risultare più basso di quelli adiacenti, il posatore può risollevare temporaneamente la piastrella appena posata e aggiungere un po’ di colla fino a raggiungere il livello corretto (tecnicamente si parla di “caricare” la piastra)

E’ bene eliminare immediatamente con una spugna bagnata eventuali residui di colla che dovessero sporcare la superficie della piastrella, dal momento che – una volta secca – questa è molto difficile da rimuovere.

 

5) I TAGLI

Sarete probabilmente sorpresi dalla facilità con la quale il posatore effettuerà i tagli necessari per adattare le piastrelle alla forma della stanza: la semplicità è solo apparente e – se doveste provare di persona – vi rendereste immediatamente conto della difficoltà di ottenere tagli soddisfacenti.

I migliori risultati si ottengono cercando di esercitare una pressione costante ma non eccessiva sul carrello di taglio tirando (o spingendo, a seconda de modello del tagliapiastrelle) quest’ultimo a una velocità costante (né troppo lenta, né troppo veloce: quel tanto che basta per mantenere l’abbrivio per tutta la lunghezza). I punti critici sono l’inizio e la fine del taglio.

Tagliare piastrelle in ceramica

Se occorre tagliare un angolo interno alla piastrella (ad esempio, in corrispondenza di una porta), si può utilizzare il flessibile. Alcuni posatori incidono i due lati dell’angolo col tagliapiastrelle rompendolo poi con le tenaglie.

 

6) LA STUCCATURA

Ultimata la posa si attende il tempo necessario per l’indurimento della colla e si procede a riempire le fughe con lo stucco scelto in base al colore e alle esigenze.

Nel nostro caso una fuga cementizia è più che sufficiente per la destinazione d’uso .
Si applica in modo uniforme sulla superficie del rivestimento con spatola di gomma dura per procedere poi alla sigillatura delle fughe fino al loro completo riempimento, intervenendo in senso diagonale alle piastrelle. Il posatore dovrà asportare immediatamente con la spatola la maggior parte dei residui di stucco lasciando solo un sottile velo sulla piastrella, iniziando le operazioni di pulizia del rivestimento dopo circa 15 minuti quando lo stucco è ancora fresco. Per la pulizia definitiva della superficie utilizzerà una spugna inumidita con acqua pulita di alto spessore e grande dimensione, o l’apposito attrezzo, per evitare di scavare le fughe.

Come stuccare piastrelle in ceramica

 

7) PULIZIA delle piastrelle dopo la posa

E’ fondamentale che  dopo il consolidamento delle fughe il posatore compia un’adeguata pulizia a base acida per eliminare i residui calcarei della posa usando i prodotti indicati dai fornitori, avendo cura di sciacquare il pavimento con abbondante con acqua pulita dopo ogni lavaggio acido. Per informazioni più approfondite riguardo alla pulizia e alla manutenzione del pavimento di piastrelle in gres porcellanato vi rimandiamo all’articolo Consigli per la pulizia e la manutenzione delle piastrelle in ceramica

I consigli contenuti in questo articolo sono semplici proposte indicative che non comportano alcuna responsabilità da parte di Novoceram a qualunque titolo. Per una posa dei vostri pavimenti, Novoceram vi consiglia di fare sempre ricorso ad un vero professionista.

Commenta questo articolo

Nessun trackback

In primo piano

  • Un Week-end di Legno Ceramico

    La somiglianza tra il Parquet Ceramico e il Legno naturale, a cui esso si ispira, è talmente perfetta, che risulta praticamente impossibile distinguerli. Non ci credete? Prendetevi un momento e visitate la pagina dedicata alle Piastrelle Effetto Legno: lasciatevi conquistare dalle 5 diverse essenze di Legno Ceramico della collezione Napami (Brossé, Moiré, Tanné, Grisé, Fumé). […]

  • Maison des Sports – Montpellier

    Nome : – Studio : CHABANNE & PARTENAIRES architectes Indirizzo : 6, cité de l’Ameublement 75011 PARIS France Sito internet : www.chabanne-architecte.fr Biografia : quarta agenzia di architettura in Francia, 150 collaboratori specializzati, 4 agenzie con sede a Parigi, Lione, Aix-en-Provence e Ginevra, che offrono una esperienza internazionale e una prossimità ideale per seguire il […]

  • Piscina Amburgo
    Piscina – Amburgo

    Nome : Andreas Edye Studio : Andreas Edye Architekten Indirizzo : Steinhöft 11 HamburgD-20459 Germania Sito internet : www.edye-architekten.de Biografia : Creiamo spazi unici che interpretano la personalità ed i desideri del nostro cliente. In dialogo comune sviluppiamo una soluzione adeguata. Ogni progetto è unico e ha un proprio stile.   Nome : Piscina Tipologia […]

  • Carrelage Renault
    Autosalone Renault

    Nome : Autosalone Renault Tipologia : Autosalone Anno : – Città : Lyon Superficie : – m² Committente : – Costruttore : – Posatore : – Descrizione : –  Collezioni utilizzate : – NoName Elégance 60×60 rectifié   Perché? – 

  • Parkhotel – Kortrijk

    Nome : Tom Adins Studio : Adins – Van Looveren Architecten Indirizzo : Industrieweg 118-3 Gand 9032Belgio Sito internet : www.adins-vanlooveren.be Biografia : –   Nome : Parkhotel Tipologia : Hotel Anno : 2014 Città : Courtrai Superficie : – Committente : – Costruttore : – Posatore : – Descrizione : Estensione di un hotel […]

  • Hôtel Champs Fleuris – Morzine

    Nome : Philippe Deletraz Studio : Atelier Deletraz Indirizzo : 2 rue du Parc Annemasse 74100France Sito internet : www.atelier-deletraz.com Biografia : – Seguici : – Nome : Hôtel Champs Fleuris Tipologia : Edificio Pubblico Anno : 2013 Città : Morzine Superficie : 520 mq. Committente : – Costruttore : – Posatore : Carrelage Angel […]

  • Carrelage Marchand de Glace Amorino
    Amorino

    Nome : Marchand de Glace Amorino Tipologia : Ristorante Anno : – Città : Paris Superficie : – m² Committente : – Costruttore : – Posatore : – Descrizione : –  Collezioni utilizzate : – Samsara Ardoise Structuré 45×45    Perché? – 

  • Carrelage Hotel Ieper
    Ospedale – Ieper

    Nome : BOECKX Studio : BOECKX Indirizzo : Torhoutsesteenweg 52 BE-8400 OOSTENDE Sito internet : www.boeckx.be Biografia : Architetti Seguici : – Nome : Ospedale Ieper Tipologia : Ospedale Anno : – Città : Ieper Superficie : – m² Committente : – Costruttore : – Posatore : – Descrizione : –  Collezioni utilizzate : – […]

  • Carrelage Hotel Creole SPA
    Hotel Creole SPA

    Nome : Hotel La Creole SPA Tipologia : Hotel Anno : – Città : Guadeloupe Superficie : – m² Committente : – Costruttore : – Posatore : – Descrizione : –  Collezioni utilizzate : – No Name Elégance 60×60 rectifié   Perché? – 

  • La Chocolaterie – Craponne

    Nome : – Studio : Richard Bagur Architecte d’intérieur Indirizzo : 21 rue ClaudiaLyon69002France Sito internet : www.richardbagur.com Biografia : Vorremmo creare un’identità propria per ogni cliente attraverso lo studio degli spazi e dell’arredo, combiando volumi, materiali e colori. Seguici : – Nome : La Chocolaterie Tipologia : Negozio Anno : – Città : Craponne […]

TwitSeguici su TwitterTwitter
Segui @Novoceram
Novoceram è nata nel 1863 e interpreta i valori autentici dell'eleganza francese con #piastrelle e #prodotti ceramici in #gres porcellanato per pavimenti e rivestimenti. follower twitter
NEWSLETTER
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti.