Blog

Tuberi e cereali

Design e Tendenze, Architettura
  • 19 febbraio 2015

In questo nuovo articolo sul tema dei Clusters dell’Expo Universale di Milano, parliamo di alimenti che compaiono frequentemente nelle nostre cucine. Da un lato i tuberi e dall’altro i cereali.

les tuberculesScoprite il nostro stand a Cersaie 2014 e le fotografie dell’evento Tiles & Food Novoceram.

1/ I Tuberi

1-a/ I Tuberi : definizione

Il tubero è un organo di deposito sotterraneo che permette alla pianta di sopravvivere durante la stagione invernale e / o siccità. Questi corpi sono pieni di sostanze di riserva (carboidrati).
La parola deriva dal tubero “tuberculum” latino e significa “piccola protuberanza”.
I principali tipi di tuberi sono:
La radice : pastinaca, patata dolce, carota…
La radice intera e ipocotile : ravanello, rapa…
Lo stelo sotterraneo : patata, topinambour…
La base dello stelo : sedano rapa, cavolo rapa…

tubercule les céréales
©Sylvain CITERNE https://www.flickr.com/photos/sylvain-citerne/5681408926

Il tubero può essere conservato per diversi mesi. L’uomo ha usato questa dote dei tuberi di costituire riserve per superare il periodo invernale in particolare.

1-b/ La patata e la sua storia

La patata viene da una pianta che può essere coltivata in maggior parte dei terreni, anche se predilige terreni leggeri e leggermente acidi. La sua cultura è spesso fatto oltre 1000 metri dal livello del mare, in Perù, ma per esempio è praticato circa 4000 metri.
Per svilupparsi la patata ha bisogno di 3-4 mesi
La storia della patata cominciò circa 8000 anni fa sugli altopiani delle Ande, dove era allo stato selvatico. Gli Inca chiamavano questi tuberi il “Papas” e hanno iniziato la loro cultura nel XIII secolo. Ha poi attraversato l’Oceano Atlantico intorno al 1570 con i conquistadores spagnoli.
Intorno al 1540, in Francia (in particolare a Saint-Alban d’Ay in Ardeche), abbiamo iniziato a crescere per la prima volta in Europa la patata
In Africa, la patata è considerata un vegetale con un valore. E ‘molto popolare in città, dove le abitudini alimentari sono invece influenzati da culture culinarie europee rispetto alle aree rurali.
Si stima in 2.005-314,000,000 di tonnellate di produzione mondiale di patate (compresi i 218.129.000 di tonnellate destinati al consumo umano). La Cina è il più grande produttore seguita da India e Russia. Questi tre paesi rappresentano il 40% del mercato mondiale.

les tubercules
©Charles Roffey https://www.flickr.com/photos/charlesfred/2232534201

1-c/ Il topinambur e la sua storia

Il nome “topinambur” deriva dal nome brasiliano “Topinamboux”. Si chiama anche “topinambur”, “Tartufo del Canada” o “perenne Sun”. La sua pianta è un cugino del girasole.
Questo ortaggio è stato osservato per la prima volta in Nord America, coltivata da tribù di nativi americani. Questo ortaggio è stato riportato a Parigi nel 1613 come una curiosità.
Si presenta come un mix tra patate e radice di zenzero. E ‘stato molto utilizzato durante la seconda guerra mondiale in Francia e, in particolare, è un po’ dimenticato in seguito.


Betterave
Stand Tiles & Food Novoceram lors du Cersaie 2014

2/ I cereali

2-a/ I cereali: definizione

Il nome di cereali deriva dal latino “Cerealis” riferendosi a Cerere, dea delle messi.
La principali varietà sono:
il grano
il mais,
l’orzo,
il miglio
l’avena,
il riso,
la quinoa,
il sorgo,
la segale,
il grano saraceno.

2-b/ I cereali: storia

La loro cultura ha permesso lo sviluppo di grandi civiltà, perché è una delle prime attività agricole dell’uomo. Infatti, la resa di produzione di grano è alta e la sua conservazione è facile, rendendo possibile costituire riserve alimentari e quindi garantire la sicurezza per il futuro.
E ‘stato recentemente scoperto in una grotta nel nord-ovest del Mozambico tracce di sorgo selvatico su raschietti in pietra, risalente 100 mila anni.
I cereali forniscono una parte significativa di apporto calorico (45%) in Europa nei primi anni del XXI secolo.

céréale blé
©Laurent Jégou https://www.flickr.com/photos/laurent_jegou/2592942683

les céréales ©Rosana Prada https://www.flickr.com/photos/zanastardust/1303616796
 

NOVOCERAM NON E’ SPONSOR NE PARTNER DI EXPO 2015

Scrivi un commento

Articoli correlati