Blog

EXPO 2015: il padiglione tailandese

Design e Tendenze, Architettura
  • 10 febbraio 2015

Il tema dell’expo universale di Milano 2015 è “nutrire il pianeta, energia per la vita”. Il padiglione tailandese (aperto dal 1 maggio al 31 ottobre) affronta questo tema nell’ottica di “nutrire e meravigliare il mondo in modo sostenibile“.

pavillon thaïland exposition milan 2015
© Expo 2015 http://www.expo2015.org

1) Presentazione del padiglione tailandese

Presentazione

Il padiglione tailandese affronta 4 grandi temi :
«innovazioni per servire un sogno»: prevenire la fame, è uno degli scopi del padiglione tailandese, così come la protezione dell’ambiente e la garanzia di una vita sostenibile per tutti gli esseri umani. In questa area dell’esposizione si troverà una grande ellisse in cui saranno proiettati video, carte e show acrobatici che illustreranno il tema.
«uno sviluppo sostenibile e un equilibrio per la vita»: è un tema scelto dal re della Tailandia in persona avendo a cuore l’agricoltura del suo paese.
«i sapori, profumi e vie della Tailandia»: è una presentazione della cucina del paese che fa scoprire lo spirito del popolo tailandese. Una riproduzione delle strade e dei loro sapori sarà realizzata nella parte esterna del padiglione con un mercato galleggiante ispirato alla Bangkok di un tempo quando era chiamata “la Venezia d’oriente”. Imbarcazioni cariche di prodotti locali saranno disposte su questo spazio acquatico.
« tradizioni e radici di qualità »: la terra è la radice agricola. Vi troveremo principalmente la cultura del riso
Tre elementi si trovano in questo padiglione: la gamma dei prodotti agricoli, l’acqua (simbolo di fertilità e vitalità) e la pagoda. Uno spazio sarà riservato alla coltura del riso.
Un muro di mattoni dalla superficie riflettente darà un effetto poetico al padiglione. Rifletterà il cielo, i visitatori e i campi di riso grazie alla sua inclinazione su tre angoli diversi.

exposition universelle Milan 2015 pavillon thaïlandais
© Expo 2015 http://www.expo2015.org

Il progetto

Il padiglione misura in totale 2947 metri quadrati. Il disegno è stato realizzato da OBA (The Office of Bangkok Architects).

Gli obiettivi
Per la Tailandia lo scopo è quello di presentare la sua visione di un mondo migliore e il suo impegno nei confronti dell’agricoltura. Si tratta anche di un’occasione di far conoscere la sua cultura gastronomica.

I diversi spazi
Il padiglione è suddiviso in 4 aree:
la Hall 1 : la fertilità naturale della Tailandia è al centro di questa area dell’esposizione con una rappresentazione delle montagne, delle pianure e delle coste messe in scena da proiezioni olografiche.
le Hall 2 : la cucina tailandese è svelata in ogni suo dettaglio
le Hall 3 :4000 progetti sostenuti dal re da 60 anni nell’ambito dell’agricoltura.
Nel padiglione tailandese, i visitatori possono scoprire un supermercato di nuova generazione con QR code, schermi LCD e la possibilità di scaricare in tempo reale le ricette della cucina tailandese.

pavillon thailandais exposition universelle milan
© Expo 2015 http://www.expo2015.org

2) L’ispirazione

La struttura di questo padiglione fa riferimento a due elementi della cultura tailandese. Il copricapo tradizionale dei contadini delle risaie, il “ngob”, è rappresentato da un’immensa struttura in legno in uno degli ingressi: è stato scelto in quanto rappresenta il sapere del contadino tailandese e la sua saggezza.

pavillon thaïlandais exposition universelle Milan 2015
© Expo 2015 http://www.expo2015.org

La forma del « Naga » un serpente legendario della mitologia tailandese è rappresentato in una linea sinuosa in un altro ingresso, quello della rampa. Il muro di mattoni si ispira ai muti ei templi del paese.

3) La Tailandia e il cibo in cifre

In Tailandia il 41,3% del territorio è consacrata all’agricoltura.
40,7% della popolazione attiva lavora in agricoltura.
Nel 2011, 7,30 % dei tailandesi erano sottoalimentati: in forte calo a partire dagli anni 90 (nel 1991 erano il 43,8%)

Scrivi un commento

Articoli correlati